iHabbol su Facebook Supporto al Giocatore Effettua l'accesso
0 iHabbol Online
CuriosiHabbol #2 - Chiedilo allo Staff!
Pubblicata il 12-08-2019 alle 00:00 • Giochi & Competizioni
Hey iHabbol,


lunedì scorso ti abbiamo presentato il CuriosiHabbol, ovvero una rubrica settimanale grazie alla quale ogni lunedì puoi inviare una domanda allo Staff e sperare che riceva una risposta!


E tu, ce ne hai inviata una? Che la risposta sia sì o no, ecco a te le domande a cui abbiamo risposto la scorsa settimana:
Brenda93: Vi sentite soddisfatti della vostra vita? Sincerità
Aria: Se avessi dovuto rispondere a questa domanda uno o due anni fa, la mia risposta più sincera sarebbe stata no, a causa di tante, tantissime cose che si andavano a sommare fra loro in ogni ambito della mia vita, da quella studentesca a quella personale, fino a creare un caos più che totale che mi destabilizzava non poco e che mi ha portato diversi problemi. Ad oggi invece posso risponderti che in parte lo sono, che ogni giorno che passa lo sono un po' di più e questo grazie ad un lavoro costante che faccio su me stessa, perché solo col tempo ho capito che il mio vero scopo è proprio questo, essere soddisfatta di chi sono e di chi diventerò, essere soddisfatta della vita che vivo (perdona il gioco di parole) giorno dopo giorno, dei rapporti che consolido col tempo e dei traguardi, lavorativi e studenteschi, che raggiungo.
Gio: Al momento sono soddisfatto della mia vita, stanco ma felice di poter magari dare una mano alla mia famiglia, aiutando con le consegne dell'attività. Ambisco ad altro dato che comunque sono al quinto anno del commerciale, però momentaneamente mi accontento :)
Lore: Ciao Brenda93, quella che tu ci poni è una domanda assai "scomoda". La soddisfazione nella vita è un argomento molto profondo e insidioso, che richiede del tempo per essere raggiunta e, molte volte, penso non venga mai raggiunta completamente. Per quanto mi riguarda, sebbene non sia in grado di darti una risposta certa, ci proverò: ci sono stati anni difficili in cui ho creduto di non essere all'altezza di superare quei limiti che la vita ti impone, ora però, sembra che le cose inizino a girare per il verso giusto in ogni ambito. Ciò nonostante, la soddisfazione rimane ancora un pensiero lontano.
Luk: Hai mai pensato in dei momenti difficili di non riuscire a farcela?
Aria: Molte, moltissime volte. Per oltre due anni il mio pensiero fisso era proprio questo, era che non ce l'avrei fatta a reggere il peso di tutto quello che succedeva a me e a chi avevo intorno e che proprio questo peso avrebbe finito per schiacciarmi. Mi sono isolata da tutto e tutti, proprio per questo motivo, fino a farmi ancora più male di quanto già le cose che succedevano non me ne facessero, senza nemmeno accorgermi che il mio stare male faceva peggiorare anche chi stava con me. Poi però, non so onestamente come, le cose sono cambiate e ho come aperto gli occhi, capendo che pensare che non ce l'avrei fatta non avrebbe risolto le cose, non mi avrebbe aiutato a stare meglio e non avrebbe aiutato chi avevo intorno e magari stava passando dei periodi altrettanto brutti. È stato quello a far scattare qualcosa, a farmi realizzare che è proprio nei momenti più difficili che bisogna tirar fuori la grinta, tirare fuori quello che si è realmente, per risollevarsi e per non cadere, per non farsi sopraffare da tutto quanto.
Tumblr: Molti di voi sono parte dello Staff da svariati anni, come avete vissuto tutti i cambiamenti che ci sono stati nella Community?
.Ni.: Io sono la staffer meno presente della storia del mondo e lo so, ma i cambiamenti di iHabbol mi hanno sempre toccato da vicino, forse perché per qualcuno di noi (me compresa) l'Hotel non è solo un mondo virtuale, ma è qualcosa di concreto che esiste nella nostra vita reale... Sono qui da qualche anno, tanti di voi mi conoscono da un bel po' e acqua sotto ai ponti ne è passata, ma iHabbol, qualsiasi cosa succeda, resta sempre nel mio cuore.
Mark: Chi meglio del più longevo amministratore qui dentro, può rispondere a questa domanda? iHabbol è cambiato molte, troppe volte. Ogni tanto rileggo i vecchi articoli o scorro la storia della pagina Facebook per rivivere tutti i bellissimi momenti con i miei colleghi e voi utenti. Ad oggi di sicuro posso ammettere che l'Hotel è cresciuto e con lui anche tutti i ragazzi che ci sono passati, sia utenti che membri dello Staff. Non è sempre stato facile, molti mi hanno lasciato in momenti terribili ma ci siamo sempre rialzati. E sebbene l'utenza non abbia subito un ricambio generazionale (perché oggi i ragazzini preferiscono giocare con il cellulare e chattare con WhatsApp, più che usare giochi come questo), come dico sempre finché ci sarà anche solo un utente qui a trascorrere il tempo, iHabbol vivrà.
MyB: Com'è stato per voi l'esser stati scelti tra così tanti utenti?
Gio: Sento di esser stato ripagato per l'impegno mostrato, diciamo che posso benissimo affermare che una parte della mia infanzia è iHabbol, dopo sette anni per certi versi son maturato, anche grazie alle esperienze che ho vissuto al suo interno. Esser stato scelto mi ha dato la carica per poter mostrare le mie capacità, mostrare che io riesco anche a fare di più.
Nico: Mi sento soddisfatto, grazie alle esperienze ottenute all'interno di numerosi team e alla mia lunga permanenza in Hotel. Ciò mi ha portato ad accettare di far parte del team amministrativo, una sorta di sfida personale per capire se fossi all'altezza.
YoSpy: Hai mai avuto una particolare antipatia per un tuo collega? Se sì, come hai fatto a superarla?
.Ni.: Collega nel senso di Staff? Sì, ed era anche ricambiata! Non si era capito se da parte sua fosse invidia o gelosia, fatto sta che abbiamo cercato di evitarci il più possibile fino a che lei non fu rimossa per il suo pessimo comportamento (che io avevo già immaginato fin dall'inizio).
Aria: Si, mi è capitato, sono stata in Team per svariato tempo con una persona per la quale provavo antipatia. Non è stato difficilissimo superarla, mi è bastato concentrare la mia attenzione su quello che dovevamo fare, sul compito che avevamo, piuttosto che su questa persona e su come si comportava. Non sempre, anche nella vita reale, capita la fortuna di avere colleghi con i quali ci troviamo a nostro agio, quindi è più che utile, secondo me, separare l'ambito lavorativo da quello personale, al fine di convivere pacificamente e riuscire comunque a raggiungere gli obiettivi lavorativi che vengono prefissati.
Gio: Certamente, penso che sia una cosa normale dato che comunque nella vita di tutti i giorni non si può mica andare d'accordo con tutti. L'unica soluzione è stata il parlare con il diretto interessato e trovare un punto d'incontro per poter collaborare senza problemi, ricordando che il ruolo che svolgiamo deve essere svolto con lo scopo di migliorare l'Hotel, quindi portare astio non avrebbe aiutato di certo.
Phanes: Ho avuto delle antipatie per i miei colleghi e non penso di averne mai fatto un segreto, l'essere sinceri e trasparenti coincide col mio modo di vivere, quindi difficilmente tengo le mie opinioni su una persona per me. In un certo senso non l'ho superata, dopotutto io sono qui a raccontarvelo :P
Waze: Vi piace il vostro compito da amministratori?
.Ni.: Sì! moltissimo! siete un gruppone di persone tanto vario, e vi voglio un sacco di bene!
Nico: Si, mi piace molto il ruolo che svolgo, dato che mi è sempre piaciuta l'idea di intrattenere l'utenza, e farla divertire con svariati giochi ed eventi, anche ideati da me, in questo modo posso dare libero sfogo alla mia fantasia.
Phanes: Se non mi piacesse non lo farei, per quanto mi riguarda almeno, il mio ruolo è stato letteralmente cucito su di me, a volte, specie in sessione d'esami, può essere impegnativo, però iHabbol è un progetto a cui io tengo da un punto di vista affettivo, ed è per questo che ci lavoro sempre col sorriso
Mila: Faccio veramente fatica a rispondere a questa domanda, ho così tante cose che vorrei dire! Da tre anni a questa parte son sempre stata all'interno del Team Speaker, cominciando assolutamente per caso, dopo le varie insistenze di un ex coordinatore (ed amico), il tutto per poter "tappare" un buco. Non feci mai scelta migliore di entrarci a tutti gli effetti. Inizialmente non mi è stato facile adattarmi, tant'è che inizialmente mettevo solo musica. Ma, col passare del tempo, ho preso dimestichezza, e così come io cominciavo ad abituarmi a parlare, apparentemente da sola, così cominciavano ad arrivare i primi messaggi di apprezzamento che, sicuramente, hanno influito a rendere la mia permanenza più duratura. Vorrei che tutti voi poteste sentirvi dire "Grazie per questa diretta, mi hai risollevato l'umore" da persone che non sanno nulla di voi. Per cui, che dire... Assolutamente sì, sono contentissima di avere questo ruolo, a mio parere, FONDAMENTALE in Hotel.
eliaXD: Ma che metodo usate per trovare staffer? ora vedo che prendete direttamente gli utenti di ihabbol ma una volta non facevate così.. come mai?
Mark: Oh, i metodi di assunzione sono cambiati tantissimo nel tempo. Per un certo tempo abbiamo pensato che acquisire membri dall'esterno del gioco potesse evitare che qualche utente potesse sentirsi invidioso di un altro che invece era stato assunto tra gli amministratori. Poi però ci siamo resi conto che era più corretto permettere agli utenti, che conoscono bene la community e sanno come vanno le cose, di farsi strada e dimostrare le loro capacità.
-Liban0: Quanto influisce il tempo speso su iHabbol sulla tua vita reale?
Aria: Sarebbe ipocrita dire che non influisce per niente sulla mia vita reale, non è vero, influisce e non poco, ma non in senso negativo. Da una parte il tempo trascorso su iHabbol potrebbe essere dedicato ad altro, è vero, ma come due facce di una stessa medaglia bisogna dire che questa piattaforma regala la possibilità di conoscere nuove persone, di creare rapporti che vanno anche al di là del gioco stesso, consentendoti di trovare appoggio, affetto e comprensione, oltre allo svago delle varie attività che vengono organizzate ed io ho avuto la fortuna di trovare proprio questo, su iHabbol. Per tutto questo mi sento di dire che influisce abbastanza, ma più positivamente che negativamente e che non me ne pento.
Lore: Vorrei rispondere con spavalderia e dire che iHabbol rimane un giochino virtuale di cui non mi importa niente, ma non è così. Ci sono stati periodi in cui vivevo più qui che nella realtà, altri in cui mi sono allontanata drasticamente. Tuttavia, iHabbol non è solo un gioco online, qui ho trovato belle persone (ma anche meno belle) che fanno parte della mia vita ormai da 8 anni. Per cui credo che ad influire non sia tanto iHabbol, ma le PERSONE oltre un semplice personaggio.

Ringrazio tutti i partecipanti e ricordo che coloro che hanno inviato una delle precedenti domande riceveranno il distintivo
CuriosiHabbol e 10 diamanti!

Ai meno fortunati che non hanno ricevuto risposta: riprovate con un'altra domanda, magari sarete più fortunati! Ricordo che non tutte le domande ricevono una risposta, perciò scegli la domanda giusta: hai tempo fino a giovedì!



Ogni settimana, gli autori delle domande selezionate,
riceveranno ben 10 diamanti e un distintivo esclusivo!


ATTENZIONE:
Le domande sono smistate in modo casuale tra di noi in modo da avere risposte un po' da tutti, quindi non fare domande mirate ad un amministratore o non la prenderemo in considerazione!
Ovviamente le domande non dovranno violare il regolamento, niente volgarità o, anche in questo caso, la domanda sarà cestinata!


Inviaci la tua domanda e a lunedì prossimo!
Mark, Gestore iHabbol.vg
Accedi per poter visualizzare il modulo
X